'Ndrangheta nel Reggino, sequestrati beni per un milione ai fratelli Antonio e Vincenzo Bonasorta

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images 'Ndrangheta nel Reggino, sequestrati beni per un milione ai fratelli Antonio e Vincenzo Bonasorta
Giovanni Bombardieri

Sono ritenuti vicini alla cosca Piromalli di Gioia Tauro

  16 dicembre 2021 10:34

Beni per circa un milione di euro sono stati sequestrati dalla Dia di Reggio Calabria ai fratelli Antonio e Vincenzo Bonasorta ritenuti vicini alla cosca Piromalli di Gioia Tauro.

Il provvedimento è stato disposto dalla Sezione Misure di prevenzione del Tribunale su richiesta del direttore della Dia nel contesto di attività investigativa preventiva coordinata dal procuratore di Reggio Calabria Giovanni Bombardieri e dall'aggiunto Gaetano Paci.

Banner

Antonio Bonasorta, di 50 anni, era stato coinvolto nell'inchiesta "Mediterraneo" e condannato dalla Corte d'Appello di Reggio a 6 anni e 2 mesi per associazione a delinquere con l'aggravante dell'agevolazione mafiosa e detenzione e porto illegale di armi. Nell'ambito di quell'indagine, i pm gli hanno contestato di aver fatto parte di un sodalizio capace di importare dalla Slovacchia armi inertizzate che venivano modificate in Italia e rese idonee all'impiego.

Banner

Cognato di Girolamo Piromalli, di 41 anni, invece, Vincenzo Bonasorta, di 51, è stato condannato nel 2014 dalla Corte di Appello di Reggio a 6 anni per tentata estorsione in concorso con l'aggravante dell'agevolazione mafiosa nei confronti di due imprenditori. In seguito ai processi definiti con sentenza passata in giudicato, la Sezione Misure di prevenzione del Tribunale ha riconosciuto la pericolosità sociale dei fratelli Bonasorta in ragione dei loro trascorsi di vicinanza con la 'ndrangheta e, in particolare, con la cosca Piromalli. Per entrambi, gli investigatori riscontrato una sproporzione tra i redditi dichiarati e gli investimenti effettuati in questi anni, beni mobili, immobili e societari nella loro disponibilità che secondo i giudici sono frutto o reimpiego di attività illecite. Per questo motivo, la Dia ha posto i sigilli all'intero patrimonio aziendale di una ditta individuale operante nel settore del commercio di prodotti medicali ed ortopedici con sede a Cavriglia, in provincia di Arezzo.

Banner

Il sequestro ha interessato anche 2 unità locali, 15 immobili a Gioia Tauro, un'autovettura e conti correnti e posizioni finanziarie per un valore stimato di circa un milione di euro.  

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner