Nuovo decreto. Zona gialla 'rafforzata' nei feriali, arancione nel weekend. Spostamenti tra Regioni vietati fino al 15 gennaio

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Nuovo decreto. Zona gialla 'rafforzata' nei feriali, arancione nel weekend.  Spostamenti tra Regioni vietati fino al 15 gennaio

E' questa, secondo quanto si apprende, l'impostazione del nuovo decreto che andrà in Cdm questa sera

  04 gennaio 2021 19:16

Una zona gialla 'rafforzata' nei giorni feriali - con il divieto di spostamento tra le regioni e la conferma della regola che prevede la possibilità di spostarsi verso un'altra abitazione nella regione per massimo due persone - e una zona arancione nel fine settimana.

E così il 9 e 10 gennaio arancioni  e divieto di spostamento tra le regioni ma consentendo le visite a parenti e amici sempre in due persone.  Il 7 e l’8 gennaio saranno gialli, quindi spostamenti liberi sia pure con mascherina obbligatoria e distanziamento. Aperti i negozi e i bar e ristoranti ma fino alle 18. 

E' questa, secondo quanto si apprende, l'impostazione del nuovo decreto che andrà in Cdm questa sera e sarò in vigore fino al 15 gennaio. Il testo prevede anche l'abbassamento della soglia dell'Rt che fa scattare il posizionamento nelle diverse fasce e che sarà in vigore da lunedì 11: con Rt ad 1 si andrà in zona arancione e con l'Rt a 1,25 in zona rossa.

Banner

Dall’11 al 15 gennaio

Dall’11 scatta la divisione in fasce con un Rt più basse: se è all’1 si entra in fascia arancione, se è all’1,25 si entra in fascia rossa.

Banner

Confini regionali

 Dal 7 al 15 i confini regionali saranno chiusi vietato spostarsi da una regione all’altra se non per motivi di lavoro, salute e urgenza.

Amici e parenti

In tutto il periodo saranno consentite le visite ai parenti e agli amici ma soltanto due adulti, con la possibilità di portare minori di 14 anni.

L’ipotesi "zona bianca"  dal 15 gennaio

Il governo potrebbe istituire una "zona bianca"  con il Dpcm in vigore dal 15 gennaio 2021 Sarebbero aperti bar, ristoranti, palestre, cinema, teatri, musei. Ma rimarrebbero comunque obbligatori: la mascherina all’aperto e al chiuso, il distanziamento di almeno un metro tra le persone, il divieto di assembramento e l’obbligo di disinfettare le mani prima di entrare nei locali. 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner