Operazione "Farmabusiness". L'antennnista Domenico Scozzafava resta in carcere

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Operazione "Farmabusiness". L'antennnista Domenico Scozzafava resta in carcere
Domenico Scozzafava
  28 dicembre 2020 14:44

Domenica Scozzafava resta in carcere. A deciderlo è il Tribunale della Libertà di Catanzaro, che ha rigettato il Riesame presentato dai suoi legali Dario e Andrea Gareri e discusso per oltre 4 ore dagli avvocati nell'udienza del 22 dicembre., i quali hanno ricostruito in maniera alternativa gli atti di indagine e gli elementi finora emersi. Fra 45 giorni il Tdl produrrà le motivazioni.

L'antennista di Catanzaro è indagato e detenuto a Catanzaro nell'ambito dell'operazione "Farmabusiness", che il 19 novembre scorso ha portato all'arresto di 19 persone (4 misure cautelari sono state modificate o annullate). 

Mimmo Tallini torna in libertà


LE ACCUSE- Per i  magistrati della Dda  Domenico Scozzafava, 39enne, accusato di associazione a delinquere di stampo mafioso, è considerato vicino al clan dei Gaglianesi . Lui che diventa con Mimmo Tallini, secondo le carte dell'accusa, socio nell’affare del business delle farmacie "e sarà sempre Scozzafava a tenere al corrente Tallini di tutto ciò che accade, minuto per minuto".  Scozzafava, "che corre su due piani: quello della criminalità organizzata e quello della politica rappresentato da Tallini". 

Lui,  con il ruolo di partecipe del sodalizio, che mantiene rapporti diretti "con i vertici della cosca della quale si é posto a totale disposizione, fornendo un importante contributo attivo alla stessa, occupandosi degli interessi economici del sodalizio, con riguardo agli investimenti dei proventi dall'attività della consorteria, la cura delle operazioni imprenditoriali, anche sofisticate (ITALIA e la società FARMAEKO nel settore delle farmacie e parafarmacie), partecipando alla riunione, con altri esponenti di vertice del sodalizio, in cui se ne stabilivano le strategie, esprimendo la consapevole e volontaria partecipazione all'associazione indranghetistica, la osservanza delle sue gerarchie e regole, la fedeltà alle direttive ricevute, il perseguimento dell'interesse dell'organizzazione, utilizzando in modo costante il rapporto con gli altri associati come forma di espansione della capacità di condizionamento e il  controllo del sistema economico nell'area del catanzarese".  (ed.cor.)

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner