Petronà, due camion bloccati su strada dissestata: polemiche in contrada “Macchie”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Petronà, due camion bloccati su strada dissestata: polemiche in contrada “Macchie”

  16 gennaio 2021 07:48

Quando le intemperie si abbattono   su una strada già  dissestata in quanto gibbosa e sterrata, la mobilità diventa un’impresa impossibile, anche se disponi di potenti mezzi di trasporto.

Ne sa qualcosa
l’autotrasportatore e impresario Santo Angilletti che ieri, venerdì 15 gennaio 2021, è stato costretto a chiamare i Carabinieri della locale stazione di Petronà, guidati dal maresciallo Carmine Strignile, e dopo i Vigili del fuoco per liberare  i suoi camion bloccati dal fango su una strada comunale, sita alle porte del paese presilanoNon uno, ma due mezzi di trasporto non ce l’hanno fatta a raggiungere l’adiacente strada provinciale: sono stati trainati tutt’ e due e per diverse ore del pomeriggio.

Titolare di una conosciuta scuderia, Angilletti parla di annosi disservizi e  le critiche non le manda a dire: "Sono anni - argomenta Santo Angilletti-  che ricordo a chi preposto le condizioni disastrose in cui versa  contrada Macchie che  e' un'  area comunale. Inascoltato. E ieri è accaduto quel che temevo con due camion impantanati nel fango per diverse ore. Non puoi lavorare e riporti pure danni. Non è la prima volta che succede su una strada mai sistemata per come si dovrebbe. Ho chiesto aiuto e non solo per me, ma anche per altre famiglie, anche con figli: solo i Vigili del Fuoco e Carabinieri di Petronà sono intervenuti.  Abbiamo contattato gli Amministratori comunali, ma non ho avuto nessuna collaborazione. Non esistono cittadini di serie A e di serie B. La mia scuderia è conosciuta in tutta Italia e anche in Europa, ma non è considerata nel proprio paese: un paradosso, non è giusto".

C
ontrada Macchie non è disabitata : vivono lì o lavorano cittadini petronesi che rispettano i loro doveri e non celano i loro diritti.

Banner

Le condizioni della strada verranno segnalate alla prefettura.

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner