Politiche 2022, l'appello alla coalizione di centrosinistra: "Il candidato all'uninominale sia di Catanzaro"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Politiche 2022, l'appello alla coalizione di centrosinistra: "Il candidato all'uninominale sia di Catanzaro"

  05 agosto 2022 20:00

Riceviamo e pubblichiamo la nota di Lino Silipo, Anna Maria Grazioso, Melia Riccardo, Giorgio Gemelli, Francesco Peltrone, Mario Muzzi, Gigi Veraldi

"La vittoria del centro sinistra nelle ultime consultazioni amministrative  ed il conseguente avvio della nuova stagione politica costituisce un’occasione unica  per portare  la città, fuori da quell’immobilismo amministrativo  che ha tristemente caratterizzato in questi ultimi venti anni, la gestione della cosa pubblica da parte del centro destra locale.

Banner

In questo senso, i forti segnali provenienti   dall’amministrazione guidata da Nicola  Fiorita, sono incoraggianti e fanno ben sperare per la crescita e lo sviluppo futuro della città.

Banner

Ma per rafforzare un  progetto di cambiamento oramai ben avviato e ridare al tempo stesso, dignità ed autorevolezza politica alla città capoluogo di Regione occorre che la coalizione del centro sinistra ed il Partito democratico in particolare (che della nuova coalizione costituisce la maggiore forza politica),  in vista  delle prossime consultazioni elettorali nazionali,  diano la possibilità agli organismi  dirigenti locali, di poter esprimere una rappresentatività istituzionale e parlamentare.

Banner

Lo impone la vittoria storica delle ultime consultazioni amministrative, del centro sinistra; lo richiede l’affermazione nell’occasione,  dello stesso  partito democratico che in nome della difesa  del cosiddetto campo largo  con una scelta coraggiosa,  ha legittimamente candidato  Nicola Fiorita a Sindaco della città.

Candidatura – occorre dirlo – risultata vincente con un risultato strepitoso,  legittimata indubbiamente  da una vasta alleanza delle forze progressiste ma soprattutto affermatasi  grazie al forte radicamento nel territorio, del neo sindaco nella città di Catanzaro.  

Parlando delle imminenti elezioni politiche v’è da dire che per troppo tempo sul Collegio uninominale di Catanzaro sono stati catapultati dalle sedi nazionali dei partiti – spesso  in nome della tutela delle alleanze – personaggi senza un forte  radicamento con gli esiti oramai noti a tutti: il centro sinistra della città da troppi anni non esprime una rappresentanza  in Parlamento. E questo ha indubbiamente delle ricadute negative anche sullo sviluppo della città in termini di rappresentatività ed autorevolezza politica

Francamente con una città finalmente amministrata dal centro sinistra,  l’affidamento della massima rappresentanza istituzionale della città capoluogo di Regione, ad un esponente della lega o, al partito della Meloni oggi non è più accettabile.

L’ultima campagna elettorale e le vicende che hanno preceduto la scelta del candidato a sindaco nell’ambito del centro sinistra, hanno dimostrato che tutto il fronte progressista, ed in primis il Partito democratico della città di Catanzaro,  è in grado di scegliere bene e soprattutto è capace di esprimere  personalità che ben conoscono il territorio; personalità che hanno  un bagaglio personale di storia e cultura politica  in grado di offrire, a Catanzaro (finalmente), una degna rappresentanza politica.

La forza di un rinnovato partito democratico   unitamente alle altre realtà che comporranno l’alleanza del centro sinistra,  è allora quella di individuare per il collegio uninominale della  vasta area di Catanzaro,  un  candidato espressione della città, credibile per il suo profondo radicamento e il profilo politico e personale, in grado di raccogliere attorno a sè il consenso necessario per poter battere  questa destra pericolosa ed inaffidabile, ed evitare che la stessa, governi il Paese per i prossimi 5 anni.

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner