Porto di Catanzaro, Francesco Pitaro a Occhiuto: "Presti attenzione all'infrastruttura incompiuta"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Porto di Catanzaro,  Francesco Pitaro a Occhiuto: "Presti attenzione all'infrastruttura incompiuta"
Il consigliere regionale, Francesco Pitaro
  08 ottobre 2021 10:16

 
“Con l’insediamento del neo Presidente della Regione on. Roberto Occhiuto, a cui faccio i migliori auguri di buon lavoro,  spero s’interrompa l’infelice abitudine dell’Esecutivo di non rispondere alle interrogazioni dei consiglieri regionali o di non  rispondere nei 20 giorni prescritti da Regolamento e Statuto. Così come spero - afferma il consigliere regionale Francesco Pitaro - che la Regione assuma un atteggiamento responsabile e concludente, soprattutto quando c’è da risolvere problematiche riguardanti opere pubbliche decisive per promuovere sviluppo e crescita sociale”.
 
Aggiunge Francesco Pitaro: “Al presidente Occhiuto chiedo che la Regione, una volta definite le procedure d’avvio della nuova Legislatura, presti finalmente l’attenzione dovuta all’incompiuta infrastruttura portuale del capoluogo della Calabria, i  cui lavori, avviati negli Anni ’60, sono stati interrotti a più riprese, fino a quando nel  2019 è stato  presentato il progetto definitivo che prevede, fra l'altro, la costruzione di un circolo nautico, l'installazione di una gru, una torre di controllo, un molo, l'installazione di nuovi pontili, varie opere di restyling alle attrezzature già presenti e l'aumento dei posti barca fino a un numero di 400".
 
"Purtroppo - conclude Pitaro - , benché negli anni non si siano lesinate promesse e gli impegni enunciati abbiano caratterizzato più campagne elettorali comunali, l’opera rimane scandalosamente incompiuta, nonostante sia strategica per Catanzaro e per la Calabria, per l’economia e per il turismo. Sul blocco del finanziamento di 20 milioni (dovuto, a quanto si apprende, alle polemiche circa la competenza sul rilascio della ‘Valutazione d’impatto ambientale’ che il Comune di Catanzaro fino a un certo punto riteneva di competenza della  Regione ma che, al contrario, è di competenza del Ministero) e sull’urgenza di velocizzare l’iter amministrativo, onde consentire alla città di disporre, in tempi rapidi e comunque almeno per la prossima stagione estiva, di un’opera così importante, ho chiesto alla Regione di farsi parte attiva, assumendo, insieme al Comune di Catanzaro, una condotta politico - amministrativa efficace, trasparente,  attiva e propositiva, al fine di permettere finalmente l’erogazione dei fondi e l’avvio dei lavori. L’ho fatto attraverso un’interrogazione al Presidente ff della Regione depositata alla Segreteria generale del Consiglio nel mese di maggio, ma che, a distanza di 5 mesi, non ha ancora avuto risposta, né orale né scritta. Personalmente, non sarò più in Consiglio, ma specie su questa opera, che costituisce il simbolo inequivocabile delle trascuratezze politiche e amministratrive ai danni della città, non mancherò di insistere e vigilare!”
 
L’interrogazione:
 
"Al Presidente della Giunta regionale 

Premesso che:
 
- fin dall'anno 2012 è stato previsto un finanziamento di euro 20 milioni di euro per il completamento del porto di Catanzaro Lido;

- il Comune di Catanzaro è il soggetto attuatore dell'appalto diretto al completamento del porto;
- trattasi di opera che i catanzaresi e la Calabria aspettano da moltissimi anni (i lavori sono stati avviati negli Anni '60 per poi interrompersi a più riprese fino a quando nel 2019 viene presentato il progetto definitivo del porto che prevede, fra l'altro, la costruzione di un circolo nautico, l'installazione di una gru, una torre di controllo, un molo, l'installazione di nuovi pontili, varie opere di restyling alle attrezzature già presenti e l'aumento dei posti barca fino a un numero di 400);

1 - infatti, trattasi di infrastruttura di grande importanza per il territorio e per la Calabria, per l'economia e per il turismo;

- il completamento del porto permetterebbe di sfruttare al massimo le potenzialità turistico/economiche di Catanzaro e consentirebbe la crescita economica e turistica dell'intera costa;

- tuttavia, sono trascorsi moltissimi anni senza che il detto finanziamento sia stato utilizzato e, conseguentemente, ad oggi, non sono iniziati i lavori diretti al completamento del porto;

- i fondi per euro 20 milioni sono contemplati nel POR e, inoltre, la Regione Calabria ha, anche alla luce di ciò, un interesse diretto e immediato e concreto alla utilizzazione dei detti fondi e al completamento del porto che vivacizzerebbe non solo Catanzaro ma l'intera regione;

- è gravissimo che a fronte di un finanziamento di euro 20 milioni che permetterebbe lo sviluppo economico/turistico di Catanzaro e dell'intera costa e dell'intera Calabria siano trascorsi così tanti anni senza che i fondi siano stati effettivamente utilizzati e senza che il porto di Catanzaro Lido costituisca una infrastruttura pienamente funzionante ed effettivamente utilizzabile;

- inoltre, dalle notizie trapelate pare che la erogazione del finanziamento e l'avvio dei lavori per il completamento del porto si siano arenati a causa del mancato rilascio della VIA che il Comune di Catanzaro pretendeva che venisse rilasciata dalla Regione Calabria e il cui rilascio, tuttavia, sarebbe di competenza del Ministero dell'Ambiente come pure sarebbe stato affermato da quest'ultimo;

- non può, nel caso che occupa, non vedersi non solo che sia trascorso molto tempo ma anche l'incapacità del Comune di Catanzaro di velocizzare l'iter amministrativo diretto ad ottenere concretamente i detti fondamentali fondi;

- inoltre, non può non vedersi il grave disinteresse della Regione Calabria che, nonostante l'ingente somma di denaro messa a disposizione e nonostante la valenza regionale di una infrastruttura determinante per lo sviluppo economico e turistico, ha omesso e sta omettendo di intervenire, tempestivamente e con la necessaria determinazione, e di coadiuvare e di affiancare il Comune di Catanzaro rivelatosi, ad oggi, inerte e poco concludente nell'attivare e concludere il procedimento amministrativo diretto ad ottenere i fondi de quibus;

- occorre, pertanto, che la Regione Calabria si faccia parte attiva e assuma, insieme al Comune di Catanzaro, una condotta politico/amministrativa efficace e attiva e propositiva al fine di permettere finalmente l'erogazione dei fondi e l'avvio dei lavori di completamento del porto. Tutto ciò premesso, con il presente atto, si chiede al Presidente FF della Giunta Regionale della Calabria
 
Per sapere:
 
se ha contezza di quanto esposto nel presente atto e del fatto che, ad oggi, i fondi messi a disposizione del Comune di Catanzaro (soggetto attuatore) per il completamento del porto di Catanzaro Lido non sono stati utilizzati e che, conseguentemente, non sono stati appaltati e avviati i lavori predetti e, inoltre, quale condotta e quali atti politico/amministrativi intenda porre in essere al fine di permettere l'erogazione dei fondi e l'utilizzo effettivo dei fondi de quibus e l'avvio ed ultimazione dei lavori diretti al completamento del porto di Catanzaro Lido che la città capoluogo di Regione e l'intera regione Calabria aspettano ormai da decenni e che permetterebbe lo sviluppo economico/turistico di Catanzaro e dell'intera costa e dell'intera Calabria".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner