React film festival, dal primo al 6 luglio Catanzaro sarà la capitale dei corti d'autore

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images React film festival, dal primo al 6 luglio Catanzaro sarà la capitale dei corti d'autore

  25 giugno 2019 19:19

«Dall’1 al 6 luglio Catanzaro ospiterà la seconda edizione del React film festival, rassegna cinematografica dedicata ai corti d’autore».

Lo ha detto il vicesindaco e assessore alla Cultura, Ivan Cardamone, dopo l’approvazione in Giunta comunale della compartecipazione per la kermesse organizzata da Giovanni Carpanzano. «Il sostegno dell’amministrazione è un atto dovuto per una manifestazione che già nella sua prima edizione, l’anno scorso, ha riscosso un notevole successo sia in termini di apprezzamento del pubblico, sia per la qualità delle pellicole proposte, incentrate soprattutto sui giovani registi di caratura nazionale e internazionale».

Banner

Cardamone ha sottolineato come, grazie all’impegno degli organizzatori, di concerto con il Comune, «per questa seconda edizione sia stato scelto il centro storico, e in particolare il teatro Comunale, per le sei serate della rassegna: è stato un modo per valorizzare ulteriormente la parte antica della città dopo che l’estate scorsa era stato un altro magnifico e suggestivo contenitore della città, il Parco della biodiversità mediterranea, a fare da cornice all’evento». Madrina del Reff, proprio come l’anno scorso, sarà Valeria Altobelli, che qualche giorno fa ha presentato il Reff, intervistata da Bianca Guaccero, su Rai 2.

«Il Reff è un festival delle emozioni – ha aggiunto Cardamone – che già nella sua prima edizione ha visto la partecipazione di oltre cinquanta addetti ai lavori provenienti da tutto il mondo. Mi auguro che la crescita della manifestazione continui in modo esponenziale così da caratterizzare sempre di più la città di Catanzaro e la sua capacità di accogliere e organizzare eventi di grande portata che non fanno altro che arricchire l’immagine del capoluogo calabrese e la sua innegabile vocazione culturale».  

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner