Regionali. Sono le ore del silenzio. Per i calabresi quelle della riflessione per un voto convinto e responsabile

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Regionali. Sono le ore del silenzio. Per i calabresi quelle della riflessione per un voto convinto e responsabile

  02 ottobre 2021 19:56

di ENZO COSENTINO

Elezioni regionali. Sulla campagna elettorale è calato il silenzio. Niente più sceneggiate pubbliche. Per i candidati alla Presidenza e al Consiglio sono le ultime ore di contatti diretti – il porta a porta finale di una volta- con gli elettori. Si cerca soprattutto di stanare gli “appassionati del non voto” per  convincerli di andare alle urne domani e sino a lunedì ore 15. Quando nei seggi  inizierà il rituale dello spoglio. La Calabria è l’unica regione dove si vota per eleggere gli organi istituzionali. La legislatura è stata infatti interrotta con la morte della presidente della Giunta, Jole Santelli. Una figura politica di prestigio che nel 2020 i calabresi, con il loro voto, vollero, nel bene e nel male, alla guida della regione con una coalizione di centrodestra. Che campagna elettorale è stata, dunque, quella appena conclusa? A dirla tutta non esaltante, ricca di parole grosse e promesse su un unico slogan: vogliamo cambiare la Calabria. Avrà veramente un volto e una dimensione politica e di governo questa Regione bellissima per la sua conformazione ma maltrattata e in alcuni momenti anche male amministrata? La speranza è sempre l’unica a morire (ma non dimentichiamo l’altra coda pessimista del detto: chi disperanza vive può anche morire disperato).

Banner

I Calabresi vogliono e devono uscire dal tunnel buio. Molto, infatti, dipende da noi dalle scelte che faremo nel momento in cui segneremo sulla scheda elettorale la “croce”. Sono le ore della riflessione e della responsabilità personale tenendo presente gli interessi collettivi e non quelli individuali. I quattro candidati alla Presidenza - Amalia Bruni (centrosinistra), Luigi de Magistris (indipendente), Mario Oliverio (indipendente) e Roberto Occhiuto (centrodestra) -  parlando alla gente, hanno detto la loro sugli stessi temi. Saranno stati convincenti? Chi avrà convinto di più? Lo sapremo a partire dalle 15 di giorno quattro. L’auspicio è che veramente inizi una nuova era calabrese e che la scelta con il voto sia adeguata al momento storico che si vive in Calabria.  E per chiudere ricordo che per lunedì immediatamente dopo la chiusura dei seggi LA NUOVA CALABRIA darà il via ad una maratona post voto per aggiornare i nostri lettori sull’andamento dello spoglio sia per il presidente, sia quello dei consiglieri regionali e con tanti altri servizi.

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner