Regionali. L'indicazione di Letta e Conte: la scienziata Amalia Bruni è la candidata del centrosinistra. Fra poche ore la verità

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Regionali. L'indicazione di Letta e Conte: la scienziata Amalia Bruni è la candidata del centrosinistra. Fra poche ore la verità
Amalia Bruni
  12 luglio 2021 17:49

di ENZO COSENTINO

Il nome della dottoressa Amalia Bruni,  neurologa calabrese, accreditata nel mondo scientifico internazionale “gira” vertiginosamente in queste ore su tutti i media e negli ambienti politici della Regione. Il Pd avrebbe individuato nella professoressa Bruni la persona ad hoc per risolvere i problemi spinosi e pieni di contraddizioni sia nel Partito dem che in tutto il centrosinistra: quelli della scelta cui affidare la candidatura a presidente della Calabria per le prossime elezioni. Vi sarebbero stati già dei contatti e questa sera dopo le 18,30 la fumata. Nera o bianca? La sentenza al ristretto gruppo dem che sta gestendo la complicata vicenda della candidatura presidenziale e che ha fatto circolare il nome ( e se lo avesse fatto in maniera strumentale?) da Roma. Della quale ne avrebbero discusso a lungo Letta e Conte.

Banner

Sarebbe stato proprio l’ex premier, finalmente “benedetto” da Grillo quale nuovo condottiero, a tutti gli effetti, dei Pentastellati a forzare la mano pur di poter avere in Calabria una personalità di rilievo qual è la dottoressa Bruni. Ma non mancano già voci di dissenso che non riguardano in nessun modo il personaggio in discussione. L’opposizione di un consistente gruppo espressione del Pd e di altri settori della sinistra è per il metodo con cui Roma e il ristretto gruppo calabrese del centrosinistra sta gestendo il problema.

Banner

Voci non confermate vorrebbero che la nuova candidata in pectore prima di dare il suo assenso intende avere precise assicurazioni sulla condivisione nello schieramento di centrosinistra sulla scelta. E comunque –sempre secondo voci- che l’interessata avrebbe avuto delle interlocuzioni con esponenti di rilievo del centrosinistra impegnati nella formazione di liste (che si dicono solide). Forse per sondare sull’appoggio elettorale? Alcune risposte –si dice- sarebbero state ancorate sul fatto che la contrarietà non scaturisce sulle persone ma sui metodi con cui Pd e Cinque Stelle e gli altri attuali partner politici stanno procedendo. Mancano solo poche ore e poi tutti gli arcani misteri in casa centrosinistra potrebbero essere chiariti.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner