S.Anna hospital, Serrao (I Quartieri): “La Procura verifichi eventuale interruzione di pubblico servizio”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images S.Anna hospital, Serrao (I Quartieri): “La Procura verifichi eventuale interruzione di pubblico servizio”
Alfredo Serrao

“Vengano salvati i posti di lavoro”

  28 dicembre 2020 08:20

“Abbiamo depositato formale “esposto” presso la Procura della Repubblica di Catanzaro, affinché l’A.G. verifichi sulla vicenda del Sant’Anna Hospital, se la revoca dell’accreditamento al S.S.R. potrebbe provocare un interruzione di pubblico servizio in termini di resa alle prestazioni di emergenza urgenza cardiochirurgicaInfatti, potrebbe essere realisticamente fondata l’interruzione di pubblico servizio, in materia di prestazioni sanitarie di emergenza–urgenza interventistiche cardiochirurgiche, considerato anche il fatto che la stessa Clinica Sant’Anna Hospital ha in atti vigenti, una convenzione quinquennale con l’Università Magna Grecia e l’A.O.U. Mater Domini, per il mantenimento dei posti letto utili e collegati alla Scuola di Specializzazione di Cardiochirurgia della stessa Università Magna Grecia di Catanzaro”. 

Così in una nota Alfredo Serrao, presidente dell’associazione I Quartieri di Catanzaro.

“Inoltre, siamo fortemente preoccupati che la revoca dell’accreditamento e conseguenziale chiusura del Sant’Anna Hospital,  potrebbe ingenerare forti ripercussioni di natura sociale vista la perdita improvvisa di rilevanti posti di lavoro. Sia il Procuratore dott. Nicola Gratteri e verificare la storia e la cronologia di tutti gli atti amministrativi, prodotti dalla Regione Calabria (Dipartimento e Struttura Commissariale) e dall’Asp di Catanzaro, affinché vengano cristallizzate responsabilità, in merito ai criteri di trasparenza e di legittimità anche sulle prescrizioni e le revoche adottate nei confronti della clinica Sant’Anna Hospital”, conclude Serrao.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner