Sant'Anna Hospital. Lunedì 4 gennaio si riunisce la commissione regionale Sanità

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Sant'Anna Hospital. Lunedì 4 gennaio si riunisce la commissione regionale Sanità
Palazzo Campanella, sede del Consiglio regionale della Calabria
  29 dicembre 2020 16:08

E’ stata convocata dal presidente Sinibaldo Esposito, per lunedì prossimo, 4 gennaio alle ore 11, la terza Commissione “Sanità, Attività sociali, culturali e formative”.

Due i punti all’ordine del giorno dell’organismo consiliare: le problematiche del Sant’Anna Hospital di Catanzaro e l’attività del Centro regionale di Farmacovigilanza. Entrambe le questioni, di stringente attualità, verranno affrontate con il contributo dei soggetti interessati che verranno auditi nel corso dei lavori.

Banner

“Nel rispetto del ruolo della Commissione che ho l’onore di guidare e dei diversi soggetti che abbiamo invitato nell’occasione, ho ritenuto di accogliere le segnalazioni che mi giungevano da più parti, non ultime quelle dei colleghi componenti la Commissione, Mancuso e Francesco Pitaro (quest’ultimo anche per iscritto)”, spiega il presidente Esposito che aggiunge. “Ritengo assolutamente urgente ed improcrastinabile, per le diverse ricadute, affrontare insieme la delicata e complessa situazione che sta vivendo il Sant’Anna Hospital".

Banner

"Una realtà importante nell’intero contesto sanitario regionale ed in prima linea sul fronte delle malattie cardiovascolari che rappresentano – ricorda Esposito - una fetta cospicua delle patologie che affliggono la popolazione italiana, e quindi calabrese. Inoltre, sono considerevoli gli effetti di natura occupazionale che ci impongono di tendere la mano, per quanto possibile, ai tanti dipendenti che, con amore e dedizione, hanno prestato giornalmente la loro opera a fianco dei pazienti calabresi".

Banner

"Quanto al Centro regionale di Farmacovigilanza - conclude il presidente- ho inserito questo ulteriore punto di confronto e discussione, considerandola struttura insostituibile nel sistema sanitario regionale, in particolare in questo momento storico segnato dalla pandemia”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner