Sant'Anna hospital. Santacroce (FI): "L'indagine della Procura non penalizzi i lavoratori"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Sant'Anna hospital. Santacroce (FI): "L'indagine della Procura non penalizzi i lavoratori"
Frank Mario Santacroce
  27 dicembre 2020 09:15

"Consapevoli che le accuse mosse dalla Procura della Repubblica di Catanzaro sono gravissime e che la ricerca della verità deve essere alla base di ogni percorso di legalità e giustizia i lavoratori della clinica catanzarese vanno comunque salvaguardati e tutelati specie se si tiene conto che loro sono le vere vittime di questa triste vicenda".

Così esordisce il consigliere Frank Mario  Santacroce che ponendosi dalla parte degli infermieri, medici e personale ausiliario, precisa "come la vicenda non può e non deve essere analizzata limitandosi a ricercare i  colpevoli ma cercando di estendere le responsabilità a quella classe dirigente regionale e politica che negli anni ha omesso di fare i controlli, ha omesso di esercitare i necessari poteri ispettivi quando si tratta di strutture private che operano sotto accreditamento e quindi con soldi pubblici".

Banner

Allo stesso tempo, precisa l’esponente di Forza Italia, "è proprio il commissariamento decennale della sanità calabrese che ha creato questi fenomeni ed invece di occuparsi di riordinare il sistema sanitario ha pensato solo a navigare a vista senza mai occuparsi seriamente dei problemi. A questo punto è facile per tutti manifestare solidarietà ma i lavoratori e i pazienti hanno bisogno di risposte e non solo di belle parole specie se queste arrivano da quella classe politica che ha creato questo scempio. Non ho mai pensato che la revoca dell’accreditamento sia il sistema migliore per risolvere la vicenda sia perché sguarnisce il sistema di prestazioni mediche che evidentemente erano state delegate ai privati perché gli ospedali pubblici non ne erano all’altezza o dotate di unità di terapia intensiva coronarica con posti sufficienti per il fabbisogno per cui resto dell’idea che la struttura debba essere affidata ad un amministratore giudiziario che rimetta in sesto l’accreditamento e gestisca la clinica fino alla fine del percorso giudiziario e non limitato alle prestazioni già erogate nel 2020. Questo sistema, già adottato in altre realtà italiane, deve essere accompagnato anche dalla stipula di nuove convenzioni con tutte le strutture sanitarie che gestiscono servizi pubblici perché bisogna sempre garantire la prosecuzione dei servizi in situazioni simili e non necessariamente arrivare subito alla revoca o sospensione degli accreditamenti o autorizzazioni. È un problema di metodo che è sbagliato e va subito corretto. Fatta eccezione dello specifico problema emerso dalle indagini la clinica resta un’eccellenza calabrese che deve essere tutelata come tale perché proprio la regione Calabria l’ha resa tale e ora deve essere altrettanto diligente e responsabile a ridare dignità a chi ha sempre lavorato onestamente e non merita questo trattamento. Non è revocando le autorizzazioni che si risolvono i problemi e per quel che posso, conclude Santacroce, sarò al fianco di chi in questo momento sta subendo un’ingiustizia e che vuole poter lavorare onestamente anche ricercando eventualmente nuovi imprenditori pronti a intervenire nel caso si rendesse necessario".

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner