Sant'Anna. L'ex vicesindaco di Catanzaro, Argirò: "Garantire la continuità dei servizi. La politica passi ai fatti"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Sant'Anna. L'ex vicesindaco di Catanzaro, Argirò: "Garantire la continuità dei servizi. La politica passi ai fatti"
Tonino Argirò
  27 dicembre 2020 16:55

di ANTONIO ARGIRO*

Nelle ultime ore si è fatta sempre più concreta la necessità da parte della classe politica di porre l’attenzione sulla vicenda “Villa Sant’Anna, soprattutto per l’eccellenza che rappresenta e per le urgenti condizioni in cui si ritrovano i lavoratori dipendenti. Direi era ora!!

Banner

È auspicabile, pertanto, un risolutivo confronto istituzionale, con l’obiettivo di trasformare concretamente la solidarietà da tanti espressa “a parole” nei confronti dei dipendenti, (che stanno per essere mandati a casa) e il compito di garantire la continuità delle professionalità esistenti quale patrimonio di risorse ed esperienze riconosciuto a livello nazionale.

Per questo l’esigenza di un interessamento e di una presa di posizione dell’Amministrazione Comunale, del suo Sindaco e del Consiglio in primis, con tanto di consiglio comunale convocato d’urgenza, è doveroso per evitare la chiusura del Sant’Anna e il conseguente venir meno del patrimonio di risorse ed esperienze che questa struttura contiene nel proprio “DNA sanitario”.

Banner

Quanto detto, ça va sans dire, al netto delle vicende giudiziarie che faranno il proprio corso e che lasciamo agli organi competenti.

Non sfugge a molti, tuttavia, il rischio di eventuali atti speculativi che appaiono tra le pieghe di questa vicenda, e tutto fa pensare alle lacrime di coccodrillo di una Città e di una Regione intera, che dopo aver visto disintegrare la Fondazione Campanella oggi funge da spettatore passivo di fronte all’ennesima chiusura.

Una Città già agonizzante, troppo debole e distratta, per lottare contro quanti rodono quotidianamente le sue fondamenta non credo debba sopportare questa ulteriore offesa.

Sono convinto sia un atto dovuto e responsabile quello di tentare l’impossibile per far sì che le normali attività della clinica vengano ripristinate al più presto, considerando che la loro principale attività è quella di salvare vite umane.

Ci sarebbe tanto da dire sul silenzio assordante da parte di importanti settori della vita pubblica locale, e soprattutto sul metodo usato per affondare una delle rare eccellenze sanitaria nel mezzogiorno d’Italia.

Di questo e di tanto altro avremo modo di parlarne, per ora “#salviamovillasantanna”.

*Già Vicesindaco di Catanzaro

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner