Sapia (M5S) invia la sua proposta per riaprire i Punti nascita con meno di 500 parti all'anno

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Sapia (M5S) invia la sua proposta per riaprire i Punti nascita con meno di 500 parti all'anno
Francesco Sapia, parlamentare del Movimento 5 Stelle
  15 gennaio 2021 17:25

"Bisogna sfruttare la possibilità normativa di riaprire i Punti nascita già chiusi nelle zone del Tirreno cosentino, dell’Esaro-Pollino, di Acri e della Valle del Savuto, di Melito Porto Salvo e dell’area grecanica, di San Giovanni in Fiore e della Sila".

Lo afferma, in una nota, il deputato Francesco Sapia, che alla Camera siede in commissione Sanità. Con l’obiettivo di sollecitare l’avvio di un percorso specifico, a riguardo il parlamentare ha inviato un’articolata e dettagliata proposta, redatta insieme all’esperto nella materia Tullio Laino, al ministro della Salute, Roberto Speranza, al commissario alla Sanità Calabrese, Guido Longo, e al sostituto presidente della Regione, Nino Spirlì.

Banner

"Nel merito – spiega il deputato – occorre con lungimiranza politica e amministrativa attivare le procedure derogatorie previste dal decreto del ministero della Salute dell’11 novembre 2015, finalizzate al ripristino o all’implementazione dei Punti nascita con indice al di sotto dei 500 parti/anno".

Banner

"Non è più possibile – conclude Sapia – accettare che in Calabria le donne in gravidanza non vengano seguite a modo nel loro territorio e che non possano partorire vicino casa. Non è ammissibile, per un fatto di civiltà, di tutela dei diritti e di politiche, necessarie, a sostegno della vita e della famiglia. Mi impegnerò perché questo progetto, sacrosanto, possa trovare il più ampio, doveroso sostegno politico, indipendentemente dalle differenze tra le parti".

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner