Serrao (I Quartieri): "Cardamone dica i veri motivi che lo hanno spinto a lasciare la delega al Patrimonio"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Serrao (I Quartieri): "Cardamone dica i veri motivi che lo hanno spinto a lasciare la delega al Patrimonio"
Alfredo Serrao
  04 maggio 2021 15:18

“Problematiche di natura personale e professionale non mi consentono di seguire con la necessaria efficacia le molteplici e complesse deleghe assessorili che mi sono state assegnate”,  con queste parole Ivan Cardamone si dimette dalla delega di assessore al Patrimonio del comune di Catanzaro. Il fatto di per se legittimo ci consegna delle domande e delle valutazioni di ordine politico che tracciano il futuro della maggioranza, francamente a pezzi del sindaco Abramo e la sua residuale sopravvivenza".

E' quanto si legge in una nota di Alfredo Serrao, presidente dell'associazione catanzarese I Quartieri. "Fra i diversi malpancisti che si agitano, - prosegue - chissà perché (?), fra gli scampoli di una presunta legittimità di governo, c’è il dato temporale delle dimissioni di Cardamone che avvengono, stranamente, dopo la chiusura dell’inchiesta Corvo, dopo l’inchiesta sui pontili del porto di Catanzaro Lido con annessi sequestri delle banchine  e dopo un tentativo, che chiamasi assalto amministrativo, sul regolamento per i chioschi e le edicole, tanto da chiedere come fatto legittimo una variazione di destinazione d’uso degli stessi (?). Su questo punto che a noi sembra irricevibile in termini di trasparenza e di legalità, ci sono altri soggetti commerciali, che per la crisi in atto e mai finita e per l’emergenza Covid, si sono visti chiudere le attività, senza una via di uscita equa mettendo sul lastrico intere famiglie, quelle che a differenza di altri, probabilmente, traevano un reddito per sopravvivere. Questo è un fatto!".

Banner

LEGGI ANCHE QUI: Colpo di scena al Comune Catanzaro. L'assessore Cardamone lascia la delega al Patrimonio

Banner

"Dica pubblicamente Ivan Cardamone - incalza - quali siano le vere ragioni delle sue dimissioni da assessore al Patrimonio? Ma, soprattutto se le stesse nascono dalla richiesta pressante di qualche cosiddetto esponente della maggioranza, che sollecita la “variante” su alcune pratiche del settore Patrimonio, come quella dei chioschi? Dica Cardamone qual è la sua posizione? Se il problema delle dimissioni non nasce, probabilmente, da alcune pratiche forse difficilmente digeribili del settore Patrimonio e qui, ci viene in soccorso l’ultimo pronunciamento dell’ufficio del Gip, allora è stato il sindaco Abramo a defenestrarlo?".

Banner

"Su questa che potrebbe essere un'altra lettura il dubbio resta, anche perché è lo stesso assessore Cardamone che parla di “ridistribuzione” delle deleghe da parte del sindaco, tanto che appare legittimo pensare che la “notte dei cristalli” non sia mai finita all’interno di Forza Italia e della maggioranza satellite rispetto alle ambizioni ed alle necessità politiche dello stesso Sergio Abramo. Ciò detto ed essendo certi che non sia un tema che appassioni più i cittadini catanzaresi, resta un altro fatto visibile, il degrado e l’incompiuta del porto di Lido. Su questo argomento si sono spesi fiumi di parole e di progetti ed i “famosi” 20 milioni di euro ballano irrimediabilmente nel tempo con i cinghiali, i nuovi ospiti titolati del porto. Siamo così passati in un attimo e senza scampo della ruota panoramica del porto di Lido, per approdare alla “caccia all’Ottobre Rosso” il sommergibile, promesso da Cardamone, ma disperso nella rada di Catanzaro. Ecco un nuovo gioco di società!".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner