Si tratta sui commissari di Asp e aziende ospedaliere: domani un nuovo incontro per l'intesa

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Si tratta sui commissari di Asp e aziende ospedaliere: domani un nuovo incontro per l'intesa

  07 gennaio 2021 21:32

Non solo vaccini e Sant'Anna Hospital. La riunione in Cittadella regionale fra il commissario della sanità Guido Longo, il presidente facente funzioni Nino Spirlì e alcuni membri della Giunta, cioè Gianluca Gallo, Fausto Orsomarso e Francesco Talarico (guarda caso i membri più 'politici' dell'esecutivo regionale) è stata anche l'occasione per fare il punto sulle nomine dei commissari straordinari di Asp e aziende ospedaliere. Domani ci sarà una nuova 'puntata' e potrebbe essere un giorno decisivo. 

Longo ha consegnato l'elenco dei nuovi vertici poco prima di Capodanno. Il Decreto Calabria bis prevede che se entro dieci giorni non si dovesse trovare l'intesa fra commissario e presidente, allora il pallino passerebbe al governo con le nomine che arriverebbero dopo una deliberazione del Consiglio dei ministri e decreto del ministro della Salute. I nomi fatti da Longo nei giorni scorsi sono i seguenti: Giuseppe Giuliano all'Aou Mater Domini di Catanzaro, Francesco Procopio al Pugliese-Ciaccio di Catanzaro, Iole Fantozzi al Gom di Reggio Calabria, Isabella Mastrobuono all'Annunziata di Cosenza, Maria Pompea Bernardi all'Asp di Vibo Valentia, Vincenzo La Regina all'Asp di Cosenza, Domenico Sperlì all'Asp di Crotone. Non è detto che l'intero elenco sarà confermato, ma la partita è piuttosto aperta.

Banner

Il clima è comunque contrassegnato dalla 'collaborazione'. Prova ne è la pubblica uscita dello stesso Spirlì a difesa del commissario Longo sulle parole di quest'ultimo sui vaccini che hanno scatenato numerose reazioni, su tutte quelle dei vari ordini provinciali dei medici. Domani comunque si capirà se sarà formalizzata o meno l'intesa sui commissari straordinari. Sarebbe un primo tassello dopo settimane in cui Longo è parso piuttosto 'guardingo', se non spaesato. Le dimissioni del sub-commissario Maria Crocco hanno lasciato un vuoto piuttosto eloquente. L'ex prefetto di Vibo Valentia attendeva da tempo la nomina dei sub-commissari (tecnici) da parte del governo che invece se l'è presa piuttosto comoda. Non ci sono particolari novità invece sulla 'squadra' dei 25 che dovrebbe comporre la struttura commissariale. Ma questa è un'altra partita. Prima i commissari straordinari di Asp e aziende ospedaliere. (g.r.)

 

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner