Sport. Gianluca Di Marzio (Sky): “Sarà una grande emozione ritornare al “Ceravolo” di Catanzaro"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Sport. Gianluca Di Marzio (Sky): “Sarà una grande emozione ritornare al “Ceravolo” di Catanzaro"
Gianluca Di Marzio
  17 dicembre 2020 18:34

Con l’approdo della Serie C su Sky in pay per view si affacciano al “Ceravolo” telecronisti di fama nazionale. E quello a cui è affidata la telecronaca di Catanzaro-Juve Stabia, non è solo un giornalista bravo e conosciuto, ma è anche il figlio di Gianni Di Marzio, uno degli allenatori che ha fatto grande la Storia dell’U.S. Catanzaro.

Parliamo di Gianluca Di Marzio, 46 anni, una laurea in giurisprudenza ed una carriera di primo livello nel giornalismo sportivo, oggi riconosciuto come il massimo esperto di calcio mercato e punta di diamante di Sky. E per Gianluca il match Catanzaro-Juve Stabia non è un match come tutti gli altri, questa volta ad avere il sopravvento sul fascino della Serie A o Champions League (competizioni che spesso Di Marzio segue per Sky), sono le emozioni della vita personale.

Banner

Nasce infatti a Castellammare di Stabia, il 28 marzo del 1974 ma a muoverà i primi passi a Catanzaro quando 4 mesi dopo, nel giugno del 1974, Ceravolo affida la panchina delle Aquile al papà Gianni Di Marzio.

Banner

E’ vero, sarà per me una emozione unica. Il calcio a volte riesce anche a conciliare la professionalità con spaccati di vita personale”. 

Banner

E’ un Gianluca che ci parla a cuore aperto, il Catanzaro evoca grandi emozioni e a catanzarosport24.it si racconta con grande trasporto. “Ritornare al Ceravolo è per me una emozione che apre un libro pieno di ricordi, quando papà nel ’74 si trasferì a Catanzaro io ero troppo piccolo per poter ricordare, mio padre di quell’epoca mi parla con grande trasporto ed io ne ho fatto un bagaglio culturale che mi è servito nella mia crescita sia come uomo che come giornalista. Ricordo invece molto bene la sua seconda esperienza sulla panchina delle Aquile, quella della stagione 1988-89 quando subentrò a Tarcisio Burgnich”.

CONTINUA A LEGGERE QUI

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner