Us Catanzaro 1929, Davide Riccardi si racconta ai microfoni della Società: "Spero che un giorno potremo giocare con la spinta del nostro pubblico"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Us Catanzaro 1929, Davide Riccardi si racconta ai microfoni della Società: "Spero che un giorno potremo giocare con la spinta del nostro pubblico"
Davide Riccardi, difensore del Catanzaro
  30 dicembre 2020 18:33

di ANTONIO ARGENTIERI PIUMA

“All’età di 6 anni ho iniziato nelle giovanili nell’Udinese, poi sono passato nella Primavera dell’Hellas Verona e successivamente in prima squadra dove però non ho trovato spazio. 

Banner

Davide Riccardi si racconta alle telecamere dell’Us Catanzaro 1929. 

“Subito dopo, sono andato in prestito al Bolzano, al Sud Tirol e l’anno successivo al Lecce in serie C dove abbiamo vinto il campionato. Sono stato lì due anni e mezzo e l’anno scorso in prestito per sei mesi al Venezia. Ora sono qua a Catanzaro”. 

Banner

Poi ricorda: “Da piccolo facevo l’attaccante, come penso la maggior parte dei difensori che volevano cercare di far gol ed essere al centro del gioco. Poi, un giorno ho provato a fare il difensore, mi sono trovato bene e non ho più cambiato la mia posizione”.

Qualche giocatore di riferimento? “Nessuno in particolare – afferma il ventiquattrenne di Monfalcone - ma penso che il numero uno della mia lista è Chiellini. A seguire, Sergio Ramos e sicuramente Leonardo Bonucci a cui mi ispiro molto. Vorrei giocare con tanti calciatori, dare il massimo e arrivare sempre più in alto”.

Il tuo hobby? “Stare con altri ragazzi, uscire e andare a pesca. Lo faccio di estate a tempo perso. Mi piace star tranquillo, nulla di che”.

Scaramantico? “Lo ero – ammette il difensore centrale delle Aquile – ma non ci credo più a queste cose. Il mio rito pre-partita è stare più tranquillo possibile, senza panico ma con la giusta tensione”.

Conclude così: “Saluto tutti i tifosi del Catanzaro e spero che un giorno potremo scendere in campo con la spinta della curva e delle tribune”.

Allenamenti Oggi pomeriggio metà delle truppa si è ritrovata sul terreno di gioco del PoliGiovino dove si è svolta l'ultima seduta dell'anno. Malgrado il tempaccio, gli uomini di Calabro hanno svolto l'intera sessione di lavoro e si sono dati appuntamento al 2 gennaio. 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner