Us Catanzaro 1929, per Nicastro è quasi fatta mentre si complica Fulignati. L'esordio sarà in casa con il Teramo

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Us Catanzaro 1929, per Nicastro è quasi fatta mentre si complica Fulignati. L'esordio sarà in casa con il Teramo
Us Catanzaro 1929 al ritiro di Moccone (foto ufficio stampa)
  25 luglio 2019 20:28

ANTONIO ARGENTIERI PIUMA

La cessione di Eugenio D’Ursi al Napoli (che lo girerà al Bari) ha sbloccato il mercato in entrata dell’Us Catanzaro. I dettagli di questa operazione saranno resi noti dall’ufficio stampa del club partenopeo ma ancora nulla di ufficiale è venuto fuori. Di fatto la cessione è andata a buon fine e nella casse dell’Us Catanzaro è entrata una grossa somma che servirà a completare la rosa. Ieri sera così è giunta la prima (quasi) ufficializzazione di Francesco Nicastro, attaccante della Ternana di una certa esperienza di cui abbiamo già parlato ieri, e poi la trattativa avanzata per Francesco Fulignati, portiere di Ascoli e Palermo. Ma quest’ultima pare stia creando ancora qualche problema aumentando le preoccupazioni della società, in vista dell’impegno imminente di coppa Italia Tim cup. La società si muove a 360 gradi e sonda il mercato per trovare la soluzione ideale per la porta. Perso Furlan, che sembrava rappresentare un punto fermo ma poi lasciato andare (anche per volere dello stesso giocatore) per rinforzare la compagine etnea (nostra diretta concorrente e rivale storica), il Catanzaro si ritrova senza un portiere.

Banner

Cosa diversa per D’Ursi che invece non ha di fatto potuto dire no alle sirene del Napoli che lo ha fortemente voluto per andare a rinforzare la corazzata pugliese, altra diretta concorrente del girone C. Il Catanzaro tuttavia non vuole recitare il ruolo del Bari e il presidente Noto lo ha ribadito in conferenza stampa affermando che la squadra pugliese fa un mercato a se. Detto ciò nulla è perduto e nel calcio nulla è scontato e come tutti sanno, i nomi e le corazzate d’agosto devono poi verificarsi sul campo. Il Catanzaro di Auteri parte sicuramente da tante certezze e può fare affidamento su un gruppo collaudato che vuole riscattare la brutta eliminazione dai play-off, oltre che su un gioco spettacolare che non si vedeva da tempo. Questa è la forza del Catanzaro 2019/2020 ed è proprio sulla base di questo tipo di progetto che il presidente del Catanzaro chiede la fiducia della tifoseria. D’altra parte il mercato è aperto e il Ds Lo Giudice sa come muoversi per rinforzare la rosa. Si cerca un altro buon difensore ora che Pambianchi è stato ceduto, un attaccante di razza, ma soprattutto un forte numero 1 e un 12 di buon livello. Queste le priorità che vanno risolte in tempi brevi. Per l’attacco è rientrato nei radar della società proprio Daniele Paponi che non trova conferme a Castellamare e ancora nessuna buona proposta per una categoria superiore. Di Eusepi ancora nessuna notizia ma l’ingaggio troppo alto rende tutto molto complicato.

Banner

MOCCONE Ultimi allenamenti prima della fine del ritiro precampionato fissato per sabato 27 luglio, giorno in cui la squadra svolgerà solo la seduta mattutina (inizio alle 9 e trenta). Dal pomeriggio tutti liberi fino a martedì 30 luglio, quando i ragazzi di Auteri si ritroveranno al campo “Mirko Gullì” di Giovino per continuare la preparazione e, nel contempo, il cammino di avvicinamento al primo impegno ufficiale della stagione, il match di Coppa Italia contro la Casertana di domenica 4 agosto.

Banner

CALENDARIO Proprio nel tardo pomeriggio è stato reso noto nella sala d’onore del Coni il calendario dei tre gironi di serie C. Il Catanzaro giocherà la prima in casa con il Teramo, il 25 agosto. La seconda giornata andrà a Bisceglie. Il 13 ottobre il derby con la Reggina al Granillo e il 23 ottobre al San Nicola di Bari. Il 17 novembre ospiterà al Ceravolo il Catania.

(foto: Ufficio stampa Us Catanzaro 1929)

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner