Us Catanzaro 1929, trepidante attesa per la sfida del "Massimino" privata del pubblico delle grandi occasioni

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Us Catanzaro 1929, trepidante attesa per la sfida del "Massimino" privata del pubblico delle grandi occasioni
Allenamento al "Mirko Gullì" (immagine di repertorio)
  21 dicembre 2020 20:41

di ANTONIO ARGENTIERI PIUMA

Sono ripresi a pieno ritmo gli allenamenti del Catanzaro in vista dell’importate e sentita sfida del “Massimino”. Un match carico di aspettative per entrambe le tifoserie la cui forte rivalità evoca sfide memorabili dentro e fuori dal rettangolo di gioco. 

Banner

Il Covid-19 ha azzerato la presenza del pubblico e con esso tutta una serie di aspetti legati alle trasferte e al tifo in genere, sempre più incompatibile con un calcio che, aldilà del virus, si vuole dare un look patinato da pay-tv.

Banner

E questa sfida ha sempre avuto poco di patinato ma molto di vero, proponendo epiche battaglie a colpi di pallonate ma anche di manganellate prima, durante e dopo la gara. Così è stata stata spesso la trasferta di Catania, sempre onorata dai supporters giallorossi stimolati dal confronto con la calda tifoseria locale. 

Banner

Notiziario La truppa di Calabro si è ritrovata ieri mattina al PoliGiovino per un lavoro prevalentemente di scarico e oggi pomeriggio per una seduta dedicata al lavoro tecnico tattico.

Solo Garufo sarà indisponibile per la sfida di Catania, mentre Riccardi è acciaccato e rischia di non fare parte della trasferta etnea.

Del resto, tutti arruolabili e già pronti per una gara importante tra due squadre che hanno gli stessi punti (26) e lottano per il miglior piazzamento play-off.

Domani mattina rifinitura al Ceravolo e nel pomeriggio partenza per Catania.

Turno precedente Il Catanzaro è reduce da un pareggio interno con la Juve Stabia che ha messo in luce tutte le qualità dei giallorossi ma anche qualche limite soprattutto sul piano della tenuta atletica in mezzo al campo.

Nella ripresa i giallorossi hanno subito le giocate delle Vespe entrate in campo molto determinate. 

Malgrado tutto, le Aquile hanno provato con grinta e carattere a non subire e per due volte sono andate in vantaggio.

Tuttavia, la maggior freschezza degli avversari ha creato le condizioni per il gol del 2-2 maturato negli ultimi minuti grazie all’errore di Altobelli (buttato in campo per tamponare le sortite offensive) che si è fatto soffiare la palla al limite della propria area di rigore concedendo a Golfo la rete del definito pareggio.

Pareggio giusto per com’è andato il match ma che ha fatto innervosire mister Calabro che confidava molto nei cambi operati nella ripresa oltre che nella gestione della palla in un momento così delicato della gara.

Aspetti su cui il tecnico di Galatina ha voluto battere molto con i calciatori in previsione di una gara che presenta un alto coefficiente di difficoltà.

Giudice sportivo : 2mila euro di ammenda per il Catanzaro perché persone non identificate, ma riconducibili alla società, rivolgevano all'arbitro reiterate frasi offensive.

Ammonizione con diffida (IV infrazione) per Francesco Corapi; ammoniti Alessio Di Massimo (III infrazione), Luca Verna (II infrazione)

PROSSIMO TURNO 

SERIE C GIRONE C - DICIASSETTESIMA GIORNATA

CATANIA vs CATANZARO in programma mercoledì 21 dicembre alle ore 15

Arbitro dell’incontro: Claudio Panettella di Gallarate; assistenti: Gianluca D’Elia di Ozieri e Andrea Niedda di Ozieri; quarto assistente: Fabio Pirrotta di Barcellona Pozzo di Gotto

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner