Vaccini e Biometrica. Donatella Argirò: "Il programma di vaccinazione vacillerà se non si investe nelle infrastrutture dell’informazione"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Vaccini e Biometrica. Donatella Argirò: "Il programma di vaccinazione vacillerà se non si investe nelle infrastrutture dell’informazione"
Donatella Argirò
  31 dicembre 2020 10:23

di DONATELLA ARGIRÒ*

"Man mano che andremo avanti alla vaccinazione dei cittadini, i politici, gli accademici e gli scienziati di tutto il mondo dovranno rivolgere la loro attenzione verso un’altra sfida fondamentale: come i governi monitoreranno e verificheranno la somministrazione dei vaccini. Un programma di vaccinazione efficace vacillerà se non si investe nelle infrastrutture dell’informazione per la utilità delle vaccinazioni medesime.

Banner

Se ci saranno lacune nella qualità dei dati, nella segnalazione e nell’identificazione dei pazienti nella somministrazione dei vaccini, già per quelli di routine, esse renderanno non molto efficaci i servizi e faranno presagire altre sfide nella campagna di promozione del vaccino COVID-19 nell’immediato futuro. Probabilmente la fornitura dei vaccini COVID-19 di prima generazione all’inizio non sarà massiccia ed ogni percorso dovrà raggiungere il destinatario previsto. Bisogna indubbiamente vigilare sulla corruzione, sulle perdite, sul deterioramento e persino sulle duplicazioni accidentali, qualcuna già registrata in Italia, che possono portare conseguenze non felici.

La maggior parte degli attuali candidati al vaccino COVID-19 richiede un ciclo a due dosi; i pazienti dovranno essere identificati in modo affidabile per garantire un’adeguata spaziatura delle dosi. Inoltre, resta da vedere l’efficacia a lungo termine e questo richiederà dati accurati e longitudinali sui pazienti. Il monitoraggio dei dati dei pazienti nel tempo, ed attraverso i punti di erogazione del servizio, richiede sistemi di identificazione del paziente, cosa questa che ha già preso avvio ad esempio nel Veneto. I sistemi di identificazione dei pazienti saranno i più difficili da ottenere in quelle zone dove non è stato tracciato un percorso organizzativo sanitario.

Banner

In altri Paesi del mondo, infatti, Organizzazioni come GAVI e COVAX hanno identificato l’identità digitale biometrica come potenziale leva per colmare il divario di identità e garantire dati accurati. Se eseguiti correttamente, questi sistemi possono preservare la privacy, possono essere, inoltre, inter-operabili, sicuri e in grado di soddisfare le esigenze sia degli adulti che dei bambini. Gli standard di inter-operabilità garantiranno che questi sistemi possano inserirsi nei programmi di identificazione di base man mano che la copertura si espande nei prossimi anni. Difatti la progettazione dell’architettura basata sulla privacy è già in corso in diversi progetti di alcuni Paesi extra-europei".

*Candidata al consiglio regionale dell'Ordine dei giornalisti della Calabria

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner