Braccianti agricoli esclusi dal bonus, Nesci (Fna-Confsal): “I lavoratori non sono numeri, ma persone a cui dedicare professionalità”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Braccianti agricoli esclusi dal bonus, Nesci (Fna-Confsal):  “I lavoratori non sono numeri, ma persone a cui dedicare professionalità”
Cosimo Nesci, segretario generale della Fna-Confsal

“Eppure, ascoltando i proclami e la propaganda messa in campo da altri sindacati, speravamo di sbagliarci e di aver interpretato male i Decreti. Ma la circolare INPS n. 146 ci conferma che, purtroppo, sono stati in tanti a prendersi gioco dei lavoratori”.

  23 dicembre 2020 16:29

di MASSIMO PINNA

Il segretario generale della Fna-Confsal, Cosimo Nesci, interviene sulla vicenda del mancato bonus Covid previsti dal Decreto Agosto in poi.

Banner

Bonus che, non ha mancato di registrare alcuni episodi di “sciacallaggio” di alcuni sindacati, che hanno, pur nella chiarezza delle circolari Inps che purtroppo hanno escluso i lavoratori agricoli, hanno ugualmente invitato i braccianti a fare domanda. Con l’evidente, altro che recondito, scopo di accaparrarsi qualche delega sindacale in più. Soprattutto dell’imminente avvio delle domanda per la disoccupazione agricola.

“Lo avevamo denunciato più volte - afferma Cosimo Nesci - In primis al Governo, perché potesse correggere in tempo le misure previste dal Decreto Agosto in poi. Ma non c’è stato nulla da fare: i braccianti agricoli erano e restano esclusi dalla famosa indennità onnicomprensiva erogata dall’INPS".

Banner

"Eppure - aggiunge - ascoltando i proclami e la propaganda messa in campo da altri sindacati, speravamo di sbagliarci e di aver interpretato male i Decreti. Ma la circolare INPS n. 146 ci conferma che, purtroppo, sono stati in tanti a prendersi gioco dei lavoratori".

"Una confusione creata consapevolmente  - sottolinea - da parte di alcune sigle sindacali, che hanno voluto approfittare del momento per accaparrarsi qualche delega in più. Insomma, il solito sciacallaggio di chi ha perso di vista ogni contatto con i propri rappresentati ed è ridotto a salvaguardare gli interessi dei soli rappresentanti".

"La FNA Confsal ha informato sin da subito - dichiara - i lavoratori agricoli della loro esclusione. E per questo motivo ci stiamo battendo da mesi con il Governo per tutelare tutti gli operai: in primis, vanno garantite un numero di giornate utili al conseguimento delle stesse prestazioni assistenziali percepite nel 2019.

"Per noi i lavoratori non sono numeri, ma persone. A cui dedicare - conclude Cosimo Nesci - il massimo dell’impegno e della professionalità.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner