Catanzaro. Dal Governo 290 milioni di fondi Fsc, Abramo e Manna: "Si crei cabina di regia allargata ad Upi ed Anci regionale"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro. Dal Governo 290 milioni di fondi Fsc, Abramo e Manna: "Si crei cabina di regia allargata ad Upi ed Anci regionale"
Il sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo

“Lo stanziamento di 290 milioni di euro per la Calabria, stabilito dalla ministra per il Sud e la Coesione territoriale Mara Carfagna, è senz’altro una buona notizia cui va dato seguito, però, con la creazione di una cabina di regia che coinvolga nei processi decisionali gli enti locali del territorio”. Lo hanno affermato il presidente di Upi Calabria Sergio Abramo e il nuovo presidente di Anci Calabria Marcello Manna.

  15 luglio 2021 12:26

 

“Lo stanziamento di 290 milioni di euro per la Calabria, stabilito dalla ministra per il Sud e la Coesione territoriale Mara Carfagna, è senz’altro una buona notizia cui va dato seguito, però, con la creazione di una cabina di regia che coinvolga nei processi decisionali gli enti locali del territorio”.

Banner

 

Banner

Lo hanno affermato il presidente di Upi Calabria Sergio Abramo e il nuovo presidente di Anci Calabria Marcello Manna.

Banner

 

“Sulla scorta di quanto successo qualche giorno fa con l’approvazione di un emendamento al decreto sulla Governance del Pnnr, con cui si prevede l’istituzione di una cabina di regia nazionale allargata ad Anci e Upi, ci auguriamo che pure in Calabria venga attuato questo principio di “concertazione”, hanno aggiunto.  

 

“Per la quantità di fondi e le aree tematiche previste dagli interventi, tutte  fondamentali, ad avviso di Upi e Anci Calabria è essenziale che si istituisca una cabina di regia finalizzata a una efficace ripartizione dei soldi per gli interventi che dovranno essere pensati nell’ottica di un serio sviluppo del territorio. La giunta regionale, approvando l’apposita delibera (nr. 283 del 29 giugno), ha fatto un primo passo. Ora Upi e Anci si aspettano che sia consequenziale e che chiami gli enti locali per avviare un percorso che non si può sbagliare”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner