"C'era una volta un rione bellissimo..." . Oggi della Maddalena restano solo rattoppi di cemento e asfalto

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images "C'era una volta un rione bellissimo..." . Oggi della Maddalena restano solo rattoppi di cemento e asfalto

  03 gennaio 2020 13:00

"C’era una volta un rione dotato di una bellezza indiscutibile". Inizia così la nota di Stefano Veraldi. "La sua lunga storia, - prosegue - una tra le più antiche di Catanzaro, narra le vicende di un passato che spesso si confonde con la leggenda. I suoi abitanti con le loro botteghe artigiane, negozi, e attività ricreative, lo rendevano unico. Li distinguevano l’esuberanza, la cura, il coinvolgimento e l’orgoglio verso il loro quartiere, uno dei più importanti di tutto il capoluogo.  Con il tempo, la maggior parte delle attività commerciali, una dopo l’altra, hanno serrato le loro vetrine e lentamente il quartiere è diventato, grazie alle politiche di amministrazioni inadatte, fino ai giorni nostri, un’appendice marginale che sta perdendo la propria linfa vitale".

Banner

Il degrado del manto stradale nella piazzetta di Rione Maddalena

Banner

Banner

Il degrado del manto stradale nella piazzetta di Rione Maddalena

"Un duro colpo - si legge ancora - per gli abitanti che, alcuni pur non frequentandola, trovavano in essa l’ultimo punto di riferimento rimasto. Quel fuoco interiore che alimenta l’anima del rione sembra essere spento, ma solo in apparenza perché, sotto la cenere c’è ancora della brace ardente. Non può certo essere Maddalena tutti i giorni, ma una parte di quello spirito dovrebbe rimanere continuamente vivo per allontanare quel senso di isolamento sempre in agguato e quel torpore che paralizza. Come La Bella Addormentata, anche il quartiere  aspetta di essere baciata da qualche prode cavaliere che scopra la sua bellezza e s’innamori dei suoi tesori. Questo piazza, oggi piuttosto malconcia, grazie al menefreghismo dell’ufficio tecnico e delle solite imprese che gli gravano intorno, che continuano a rattoppare con cemento e asfalto, offendendo il decoro urbano, buttando via i sanpietrini, acquistati con soldi pubblici, (tasse dei catanzaresi) si presenta ai nostri occhi come un fantasma ben visibile, che affligge e sconcerta, perché mentre la guardiamo nel suo degrado,  è come guardare noi stessi e sembra che ci dica: “ecco, io sono te".

Il degrado del manto stradale nella piazzetta di Rione Maddalena

Il degrado del manto stradale nella piazzetta di Rione Maddalena

"Se questa - conclude Veraldi - è la nostra identità storica e culturale, e quindi l’insieme dei riferimenti per i quali una persona o un gruppo si definisce, si mostra e desidera di essere riconosciuto, ciò che si vede spaventa non solo per l’immagine spettrale ma per il pericolo di chi ci vive, anche vicino. Per questo motivo e per ridare un’immagine degna alla città, e al quartiere, serve una riqualificazione definitiva e non un passo alla volta, anche perché qui di temporaneo non c’è nulla, se non il definitivo menefreghismo di chi dovrebbe controllare e di chi amministra".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner