Covid. L'allarme del procuratore Gratteri: "Alberghi, ristoranti e bar nel mirino delle mafie"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Covid. L'allarme del procuratore Gratteri: "Alberghi, ristoranti e bar nel mirino delle mafie"
Nicola Gratteri
  29 gennaio 2021 20:43

"Nell'era del Covid nel mirino delle mafie ci sono alberghi, ristoranti e bar, che in questi mesi sono rimasti chiusi, soffrendo la crisi: e le mafie stanno iniziando a muoversi per rilevare a pochi soldi proprio le aziende in crisi", è l'allarme lanciato oggi dal procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri, in prima linea da tempo contro le mafie e la 'ndrangheta in particolare, intervenuto online ad un incontro con oltre 1.500 studenti delle scuole di Bergamo, promosso dal Centro di promozione della legalità e dall'Ufficio scolastico territoriale.

Gratteri ha spiegato come le forze dell'ordine siano più che mai sull'attenti, in particolare nel seguire i flussi di denaro: "Occorre monitorare le vendite fatte e chi sono gli acquirenti - ha spiegato Gratteri -. Anche se spesso le mafie lasciano formalmente i precedenti titolari, che lavorano per conto dei clan. E lo fanno sostituendosi alle istituzioni e approfittando dei problemi della burocrazia".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner