Da Ebac Calabria un fondo vittime del lavoro per gravi infortuni

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Da Ebac Calabria un fondo vittime del lavoro per gravi infortuni
Paolo D'Errico, Andrea Monteleone e Gigi Veraldi.
  01 giugno 2023 17:58

La presentazione questa mattina nella sede di via Emilia 

di FRANCESCO IULIANO

Banner

Un fondo a sostegno dei lavoratori dipendenti e datori di lavoro che abbiano subito un infortunio grave nell’ambito della propria attività o svolgimento delle proprie mansioni.

Banner

E’ questa l’iniziativa di Ebac Calabria presentata, questa mattina, nella sede di viale Emilia  100, nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il presidente di Ebac Calabria, Paolo D’Errico, il vicepresidente Gigi Veraldi ed il direttore Andrea Monteleone.

Banner

“Non potevamo rimanere insensibili - ha commentato Paolo D’Errico - alla notizia dei dati che ci vengono comunicati di volta in volta da Inail. Motivo questo per il quale, al di là di quelle che sono le misure già attive per la sicurezza sul lavoro, abbiamo pensato di istituire, con delibera il nostro Consiglio di amministrazione, un fondo ad hoc che porti sostegno e ristoro alle famiglie di quei lavoratori che hanno subito un incidente anche grave sul lavoro. Quando questo si verifica, ci troviamo di fronte famiglie che, il più delle volte,  sono monoreddito. Per questo motivo è necessario intervenire in favore di chi ha subito un incidente grave e/o mortale e per dare un un sostegno alla famiglia ed ai figli”. 

Un fondo, è stato spiegato, che parte da una base già concordata e che si incrementa ogni anno attingendo dalle quote associative. 

“Purtroppo - ha detto Gigi Veraldi -  ritengo che saranno in molti che chiederanno di accedere a questo fondo, considerato il gran numero di infortuni sul lavoro che quotidianamente accadono. Quello dell’artigianato è un comparto che, proprio perché utilizza molto la manualità e molto meno la tecnologia, è più soggetto a rischi. Da qui il nostro impegno affinché, attraverso le prescrizioni, la cultura e l’informazione alla sicurezza si possa arrivare ad una diminuzione degli infortuni. Con questa iniziativa, non vogliamo assolutamente sostituirci all’Inail, ma solo integrare quelle che sono le prestazioni già previste da quell’Istituto”.

Mille euro per le spese funebri, un assegno di 1200 euro all’anno per il primo triennio in favore della famiglia e 1500 euro per il lavoratore che subisce un grave infortunio. Sono questi, in linea di massima, i contributi previsti dall’iniziativa promossa da Ebac Calabria.  

“Per poter attivare il Fondo - ha specificato Andrea Monteleone - il lavoratore, o la famiglia di appartenenza, dovrà produrre una istanza direttamente a Ebac o per il tramite del sindacato di appartenenza, che sarà valutata ed evasa a stretto giro. Questo perché, considerato il momento di grande difficoltà che il lavoratore o la famiglia si trova ad affrontare nell’immediatezza del fatto, non è comprensibile che si debbano aspettare tempi lunghi per poter accedere al contributo”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner