Dopo Tropea anche a Diamante vietato passeggiare in costume da bagno

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Dopo Tropea anche a Diamante vietato passeggiare in costume da bagno
Ernesto Magorno
  30 luglio 2019 18:45

di TERESA ALOI

Non più di qualche giorno fa, nel corso di una intervista, il sindaco di Tropea, Giovanni Macrì, aveva  spiegato di essere meravigliato del perché in  altri Comuni , i suoi colleghi non seguissero il suo esempio. (LEGGI QUI)

Banner

Detto fatto. E così anche a Diamante non si potrà passeggiare in costume da bagno a torso nudo e scalzi. L'ordinanza arriva direttamente dal sindaco Ernesto Magorno.

Banner

"Diamante è una città meravigliosa e proprio per questo è fondamentale che chi vive la nostra realtà possa farlo in un ambiente consono alle nostre bellezze. Proprio per questo ho firmato un'ordinanza con cui si vieta di passeggiare in costume da bagno a torso nudo e scalzi. Inoltre non è consentito provocare schiamazzi. In più ci sarà una stretta sulla vendita degli alcolici e sulla diffusione della musica nelle ore notturne".    
Nell'ordinanza, oltre al divieto di girare in costume si fa obbligo agli esercenti l'attività di somministrazione di alimenti e bevande che operano nel centro storico "di cessare la diffusione di musica nel locale, in qualsiasi modo prodotta, entro le ore 01,30 durante il periodo estivo riducendo comunque l'emissione sonora dopo la mezzanotte" e per tutti, anche quelli delle altre zone della città, "è vietato tassativamente la vendita a basso costo di alcolici e superalcolici". Inoltre, per i locali che operano nel centro storico, è disposto "il divieto di consumo di bevande alcoliche e superalcoliche in contenitori di vetro o di ceramica da consumare su strade e vie aperte al pubblico, fatta eccezione per il consumo nelle aree annesse ai pubblici esercizi in possesso di regolare autorizzazione alla occupazione di suolo pubblico o privato". I titolari dei pubblici esercizi hanno anche l'obbligo di "controllare gli avventori e il personale, al fine di contenere il rumore di tipo antropico e quello di origine diversa dalla diffusione sonora, nonché di allontanare i clienti che arrecano disturbo".

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner