Il comune di Fabrizia e Piscopio restano 'zona rossa' fino al 15 gennaio

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Il comune di Fabrizia e Piscopio restano 'zona rossa' fino al 15 gennaio

  05 gennaio 2021 18:47

Prorogate le zone rosse nel comune di Fabrizia e di Piscopio, la frazione del Vibo Valentia. E' quanto prevede l'ordinanza sul rinvio delle attività didattiche in Calabria da poco firmata dal presidente facente funzioni Nino Spirlì. Le due aree sono ancora interessate da focolai e quindi fino al 15 gennaio subiranno le misure più restrittive. La precedente scadenza era ferma al 6 gennaio. 

All'interno del testo predisposto dal delegato al Covid Antonio Belcastro viene spiegato che: "23.637 casi totali, con una incidenza cumulativa pari a 1228.09 per 100000 abitanti; 1.290 casi con data prelievo/diagnosi nella settimana 21/12-27/12, con incidenza pari a 67.02 per 100000 abitanti;  Rt puntuale è pari a 1,09, compatibile con uno scenario di tipo 2. Tale indicatore dopo aver raggiunto un valore pari a 0,64 nella prima settimana di dicembre (30/11-6/12), presenta un incremento costante, passando a 0,74 nella settimana 7/12-14/12, ad un valore di 0,84 nella settimana 15/12-20/12, fino a superare, nella settimana in questione, il valore soglia di 1,
rappresentando un’allerta".

Banner

Viene poi aggiunto che: "nel periodo 3 dicembre 2020 al 3 gennaio 2021, si è registrato un cospicuo incremento dei nuovi casi confermati COVID-19, che, in termini assoluti è pari a 7048 unità ed un numero di decessi pari a 166, per una media di 5,4 al giorno; l’andamento epidemiologico in tutte le province calabresi, nell’ultimo mese, ha registrato un trend in crescita, con la provincia di Reggio Calabria che ha contribuito con più del 39% sul totale dei nuovi casi confermati nel periodo in esame, quella di Cosenza che si è attestata su circa il 26% del totale, mentre la provincia di Vibo Valentia ha fatto registrare il raddoppio dei propri casi, quelle di Catanzaro e Crotone un incremento di circa il 38% dei casi confermati nei rispettivi territori". 

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner