Il sindaco di Borgia: "Non è una vergogna avere il Covid. Diteci i contatti, ometterlo è reato"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Il sindaco di Borgia: "Non è una vergogna avere il Covid. Diteci i contatti, ometterlo è reato"

  06 gennaio 2021 16:54

 
di PAOLO CRISTOFARO
 
Dopo il preoccupante post postato ieri sera dal sindaco di Borgia, Elisabeth Sacco, giustamente preoccupata per la situazione del proprio Comune, nel quale invitava i cittadini a rimanere a casa, la prima cittadina è tornata sulla questione, in attesa degli esiti delle verifiche sanitarie, stavolta invitando a mantenere la calma, ma a comunicare tutti i contatti.
 
"Invito tutti voi a mantenere la calma ed a non cedere al panico o al facile pettegolezzo. Non è il momento delle parole ma del silenzio e del rigoroso rispetto delle regole. State in casa ed evitate ulteriori assembramenti. Se avete fatto il tampone rapido o ritenete di doverlo fare per contatti avuti con persone risultate positive, a prescindere dall’esito ricevuto in farmacia o in qualche laboratorio privato contattatemi direttamente senza paura così da avviare tutte le procedure previste dall’Asp", asserisce Sacco.
 
"Non fate di testa vostra per favore, non è una vergogna avere il virus, ma nasconderlo o chiedere agli amici o parenti di evitare di inserirvi nella lista dei contatti diventa un reato perseguibile per legge! Non ho intenzione di lasciare nulla al caso. Dobbiamo chiudere subito la linea del tracciamento", conclude nella nota. 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner