Incidenti mortali. Calano le vittime nel 2020 sulla strada statale 106

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Incidenti mortali. Calano le vittime nel 2020 sulla strada statale 106
Una veduta della SS 106

L'associazione sottolinea che con le restrizioni sulla mobilità a causa del Covid diminuiscono i sinistri stradali e le vittime sulla s.s.106: nel 2020 solo 11 vittime. Mai così poche negli ultimi 24 anni"

  11 gennaio 2021 14:38

L’Organizzazione di Volontariato “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” comunica che "nel 2020 sulla famigerata e tristemente nota “strada della morte” in Calabria si è verificato un calo drastico del fenomeno dell’incidentalità e della mortalità stradale quale conseguenza naturale dei divieti progressivamente imposti alla mobilità di persone e veicoli. Sulla strada Statale 106, infatti, si è verificata una diminuzione complessiva dell’incidentalità del 18%. Nello specifico sono diminuiti del 23% gli incidenti con lesioni e dell’21% le persone ferite. Mentre le vittime sono in tutto 11: mai così poche dal 1996 ad oggi".

"Il Direttivo dell’Organizzazione di Volontariato “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”, - prosegue la nota - nel ricordare e rispettare la memoria delle vittime del Covid-19, ritiene comunque doveroso evidenziare quanto il virus in Calabria sulla S.S.106, così come nel resto del Paese, sia stato determinante nel crollo radicale dei sinistri stradali e, quindi, dei feriti e delle vittime ad essi dovuto. Allo stesso tempo, ciò che è avvenuto sulla Statale 106 nel 2020 dimostra e certifica quanto affermato negli ultimi anni dalla nostra Organizzazione di Volontariato: la famigerata e tristemente nota “strada della morte” in Calabria è inadatta a gestire gli attuali volumi di traffico che, se diminuiscono a causa di una pandemia, determinano di conseguenza un abbassamento evidente dei sinistri stradali e, quindi, delle vittime e dei feriti".

Banner

"Quanto accaduto nel 2020 dovrebbe, quindi, far riflettere le Istituzioni e gli Enti preposti e meriterebbe un’analisi approfondita al fine di avviare finalmente un piano di investimenti mai visto prima - conclude la nota dell'Organizzazione di Volontariato “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” - per l’ammodernamento della “strada della morte” ormai inadatta a gestire volumi di traffico sempre crescenti che la rendono nei fatti una arteria stradale congestionata e, quindi, per questo letale e pericolosa".

Banner

 

Banner

 

Organizzazione di Volontariato “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”- 11 gennaio 2021

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner