Lamezia Terme, Bevivino ottimista su procedura concordato preventivo Multiservizi

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Lamezia Terme, Bevivino ottimista su procedura concordato preventivo Multiservizi
Eliseo Bevivino, amministratore unico della Lamezia Multiservizi
  21 luglio 2019 16:48

LAMEZIA TERME - «Il bilancio di esercizio 2018 della Lamezia Multiservizi redatto  secondo gli attuali principi contabili e di prudenza, si chiude con una forte perdita  ciò per una pesante situazione pregressa. La società ha intrapreso responsabilmente e tempestivamente, anche nell’interesse dei soci, un percorso di risanamento, per ora con  successo, essendo stata ammessa alla procedura di concordato preventivo in continuità  dal Tribunale di Lamezia».
Così, l’amministratore unico della Lamezia Multiservizi, Eliseo Bevivino che cerca di  fare chiarezza con dati concreti senza nascondere le criticità dell'Ente partecipato ma  confermando la volontà di risanamento. Dopo le tante dichiarazioni, le polemiche e le  legittime preoccupazioni di sindacati, associazioni e cittadini, ci si auspica di capire  meglio l'attuale situazione della società di via della Vittoria. «La ricaduta della  situazione presente e futura della società sui soci sotto il profilo di impegni  finanziari a qualsiasi titolo di quest’ultimi a favore della stessa - prosegue Bevivino  - è praticamente uguale a zero perché come si dirà anche in seguito Multiservizi non ha  ricevuto ne è previsto che riceva nell’attuazione del piano industriale quinquennale  alcun sostegno finanziario né in capitale né di altro genere. L’unico obbligo che hanno  i soci, e che comunque avrebbero anche a prescindere dalla Multiservizi, è di  effettuare i pagamenti dei corrispettivi a fronte di servizi resi. Competerebbe anche  ai soci il diritto-dovere di interrogarsi e decidere sul futuro della società, sulle  strategie e sull’impatto che essa può avere in senso negativo o positivo sul tessuto  socio-economico a secondo delle scelte che saranno effettuate».

Bevivino poi si  sofferma su alcuni aspetti tecnici e finanziari. «Venendo alla questione dell’eventuale  accantonamento nel bilancio preventivo del Comune di Lamezia delle perdite 2018  registrate dalla Multiservizi il recente orientamento della Corte dei conti, vedi ad esempio il parere della stessa nell’adunanza del 3 giugno 2019, fornisce elementi  chiari e più che sufficienti affinché l’Amministrazione del Comune di Lamezia possa già  decidere serenamente e responsabilmente nel senso di non effettuare alcun  accantonamento.L’obbligo di accantonamento previsto dalla legge troverebbe la sua  motivazione nel fatto che in condizioni normali il socio pubblico potrebbe essere  chiamato in assemblea a ripianare le perdite senza di fatto, come avvenuto in molti  casi, potersi sottrarre in quanto sarebbero in gioco la continuità della società e  l’erogazione di servizi essenziali.Si tratta da una parte di un principio di prevenzione e prudenza e dall’altra di una misura per responsabilizzare gli azionisti pubblici che di solito controllano poco e tendono a passare la palla agli amministratori successivi. La Lamezia Multiservizi si trova invece in una situazione non di ordinaria amministrazione direi che possa essere definita particolare anche per l’importanza che riveste per quanto riguarda il profilo socio-economico. Il socio di riferimento Comune di Lamezia ha già dichiarato in modo inequivocabile la non volontà di coprire perdite, capitalizzare la società, mettere dentro soldi a qualsiasi titolo. Lo ha fatto con più atti ed in modo solenne in occasione dell’assemblea per l’approvazione del bilancio 2017».

Banner

L'amministratore della Multiservzi spiega inoltre che «nel piano di risanamento di cui alla procedura di concordato non è previsto a nessun titolo il sostegno finanziario degli azionisti bensì il ritorno della società in bonis con le proprie forze potendo usufruire di uno strumento di legge grazie anche alla valutata credibilità di quanto prospettato agli organi della procedura di concordato. Nella malaugurata ipotesi che il concordato non dovesse andare a buon fine e la società dovesse essere commissariata e fallire, i soci non metterebbero un euro al massimo perderebbero il capitale residuo. Ora mi chiedo: gli amministratori di società di diritto privato/ di enti pubblici in base a quali criteri apposterebbero degli accantonamenti nei propri bilanci preventivi o consuntivi a fronte di eventi negativi che matematicamente non si possono verificare. Gli amministratori - conclude Bevivino - pubblici non rischierebbero azioni di responsabilità da parte di terzi o addirittura da parte dei cittadini se per eccesso di prudenza o di una bassa propensione all’assunzione di responsabilità dovessero, con un accantonamento ingiustificato, provocare il dissesto dell’ente?».

Banner

a.c.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner