Molinaro (Lega): "Sono vicino a ristoratori e baristi che per sopravvivenza riaprono la sera il 15 gennaio. Andrò a cena da loro"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Molinaro (Lega): "Sono vicino a ristoratori e baristi che per sopravvivenza riaprono la sera il 15 gennaio. Andrò a cena da loro"

Molinaro sottolinea che “i ristoratori e i baristi che aderiscono a #IOAPRO1501 - prosegue - si sono impegnati a rispettare tutte le norme di sicurezza sanitarie che proteggono dal Covid"

  13 gennaio 2021 12:20

Pietro Molinaro, consigliere regionale della Lega Calabria, ha espresso la sua vicinanza ai ristoratori ed ai baristi che hanno annunciato di riaprire i loro locali la sera del 15 gennaio, con l’iniziativa  #IOAPRO1501.

"Una vicinanza non simbolica". Molinaro ha annunciato di impegnarsi "a far conoscere l’iniziativa e di voler andare a cena da uno di loro. Con un post pubblicato sulla sua pagina facebook, il consigliere Molinaro ha reso noto che questa sua presa di posizione giunge dopo la diretta facebook tra il promotore dell’iniziativa, Umberto Carrieri ed il leader della Lega, Matteo Salvini". Questo un estratto del post di Molinaro: "Umberto Carrieri non è un irresponsabile che inneggia alla trasgressione. Al contrario, mi è sembrato uno dei tanti piccoli imprenditori della ristorazione italiana che chiede di sopravvivere al Covid.  Nulla di più".

Banner

“I ristoratori e i baristi che aderiscono a #IOAPRO1501 - prosegue - si sono impegnati a rispettare tutte le norme di sicurezza sanitarie che proteggono dal Covid: termoscanner all’ingresso, gel disinfettanti, distanziamento dei tavoli, conti ai tavoli alle 21:45 per rispettare il divieto di circolazione dopo le 22:00, disobbedienza gentile nei confronti delle forze dell’ordine. Non sono pericolosi negazionisti del Covid, ma preziosi realisti che reagiscono per non morire di Covid e dell’inconcludenza del Governo".

"Per tutto questo, sono vicino agli imprenditori di #IOAPRO1501 e mi auguro che la loro iniziativa serva da monito per tutti - conclude Molinaro - affinché si attui un approccio più serio e pragmatico alla gestione dell’emergenza Covid.  Per tutto questo ho deciso di andare a cena da uno di loro. E se dovessi essere sanzionato, pagherò con serenità.”

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner