Sant’Anna Hospital. La Fp- Cgil Area Vasta scrive a Longo, Latella e Cucinotta

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Sant’Anna Hospital. La Fp- Cgil Area Vasta scrive a Longo, Latella e Cucinotta
Logo Cgil Cisl e Uil Area vasta Catanzaro Crotone Vibo

Il sindacato attende con fervore una risposta tesa ad una soluzione condivisa  che salvaguardi i livelli occupazionali e la tutela della salute dei pazienti”.

  26 dicembre 2020 11:28

Porta la firma del segretario generale della Fp – Cgil Area Vasta Catanzaro-Crotone-Vibo Valentia, Franco Grillo, e della delegata aziendale, Iolanda Iannello, la lettera indirizzata al commissario ad acta per il Piano di rientro in Sanità, Guido Longo, al prefetto Luisa Latella alla guida della triade commissariale al vertice dell’Asp di Catanzaro, e al prefetto di Catanzaro, Maria Teresa Cucinotta volta a sensibilizzare un celere intervento risolutivo a sostegno dei Sant’Anna Hospital.

“Assistiamo sgomenti da giorni all’alternanza di vicissitudini che investono il S. Anna Hospital. A prescindere dalla vicende giudiziarie, che sono state e continueranno ad essere oggetto di valutazione da parte della magistratura – si legge nella lettera della Fp – Cgil Area Vasta Catanzaro-Crotone-Vibo Valentia - in ragione della dichiarata sospensione dell’attività da parte dei vertici aziendali, a far data dal 28 dicembre prossimo ci si interroga su quale sarà la sorte di un centro di Eccellenza qual è il S. Anna Hospital, del personale sanitario e non, che con la dovuta dedizione presta attività lavorativa , da sempre,  nell’interesse dei pazienti, volano principale delle prestazioni sanitarie erogate da professionisti di riconosciuta fama".

Banner

"Certo, siamo consapevoli che le risposte non siano semplici, ma siamo altrettanto consapevoli che un eventuale debito giudiziario,  non possa gravare su un sistema sanitario che comunque ha continuato a lavorare per e nell’interesse dei pazienti. Attendiamo con fervore una risposta- conclude la nota -  tesa ad una soluzione condivisa  che salvaguardi i livelli occupazionali e la tutela della salute dei pazienti”.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner