Vaccini. Codacons: "Il Tribunale ordina a Pfizer di rendere pubblico il contratto"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Vaccini. Codacons: "Il Tribunale ordina a Pfizer di rendere pubblico il contratto"

La XVII Sezione del Tribunale di Roma si è pronunciata in merito sul ricorso presentato dal Codacons

  18 febbraio 2021 18:03

La società Pfizer dovrà mostrare il contratto per la fornitura di vaccini anti-Covid siglato con l'Europa. Lo ha deciso la XVII Sezione del Tribunale di Roma pronunciandosi sul ricorso presentato dal Codacons. L'associazione "nei giorni scorsi aveva depositato un formale ricorso d'urgenza in cui si chiedeva - è detto in una nota del Codacons - alla società farmaceutica e al Commissario Domenico Arcuri di fornire il contratto per la produzione, l'acquisto e la fornitura del vaccino anti-Covid, e al Commissario per l'emergenza sanitaria di adottare ogni atto idoneo al fine di provvedere al necessario approvvigionamento vaccinale tramite la conclusione di idonei accordi con enti e istituzioni terze".

Il Giudice del Tribunale, Fausto Basile, "pronunciandosi su una successiva istanza del Codacons in cui si chiedeva un decreto monocratico cautelare per obbligare Pfizer a esibire il contratto in questione, - prosegue la nota - ha emesso oggi un provvedimento in cui, pur rigettando la richiesta di un decreto urgente, conferma l'obbligo in capo a Pfizer di depositare il contratto stipulato con l'Ue".

Banner

Il Codacons cita un passo del provvedimento del tribunale in cui si afferma:" considerato che l'esibizione del contratto per la produzione, l'acquisto e la fornitura del vaccino anti-covid nell'Unione Europea sottoscritto dalla Pfizer costituisce il petitum immediato della domanda cautelare; considerato, tuttavia, che al fine di assicurare la pienezza del contradditorio tra le parti all'udienza di comparizione già fissata […] assegna a parte resistente termine fino a tre giorni liberi prima dell'udienza di comparizione per la costituzione in giudizio e per il deposito della documentazione". Ora Pfizer "dovrà depositare prima del 10 marzo, data fissata per la prossima udienza, - conclude - tutta la documentazione relativa al contratto siglato per la fornitura di vaccini, e sarà possibile capire le condizione imposte dalla società al nostro paese e la presenza di eventuali clausole vessatorie a danno della collettività".

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner